Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1471. La lavannara

 

Ricontàmo. Tre ppara de carzette,
uno de filo1 e ddue de capicciola!2
Cinque camísce, quattro foderette,3
dussciugamani e un paro de lenzola.

 

Poi dutovajje co ssette sarviette...
, nnò, mme sbajjo, una tovajja sola.
Tre ccanavacci, dupar de solette,
sei coppie de pannucci e una rezzola.4

 

Che ccosantro5 ve pare che cciamanchi?
Ggià vve l’ho ddetto: co stantra (5) bbucata
ve porterò li fazzoletti bbianchi.

 

Mica poi se pperzi o sse rrotti.
Credete puro6 che la cosa è stata
pe vvia7 de la lesscía8 che mme l’ha incotti.

 

30 gennaio 1835

 




1 Per filo s’intende sempre «la filatura del lino o della canapa».

2 Bavella.

3 Biancheria de’ guanciali.

4 Reticella per capo.

5 Altro, altra.

6 Pure.

7 Per motivo.

8 Lisciva.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License