Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1474. Ricciotto de la Ritonna1

 

Chi? Vvoi? dove? co cquella propotenza?
Voi sete er gruggno de spaccià cqui accosto?
Voi cqua, pper dio, nun ce piantate er posto
manco si2 er Papa ve viè a ddà lliscenza.

 

Via sti canestri, alò,3 bbrutta schifenza.
E cc’è ppoco co mmé da facce4 er tosto,
ch’io ffigura de maggnatte5 arrosto
e mme te metto all’anima in cusscenza.6

 

Si tte scechi de n’antra parola,
lo vedi questo? è bbell’e ppreparato
pe affettatte7 er fiataccio in ne la gola.

 

State pe ttistimoni tutti quanti
che sto ladro de razza m’ha inzurtato
e mm’è vvienuto co le mano avanti.

 

febbraio 1835

 




1 Litigioso rivenditore di commestibili sulla piazza di mercato della Rotonda.

2 Neppure se.

3 Allons.

4 Di farci.

5 Di mangiarti.

6 Te lo giuro sulla mia coscienza.

7 Per affettarti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License