Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

40. Campo vaccino

 

A cquer tempo che Ttito imperatore,
co ppremissione che jje diede Iddio,
mové la guerra ar popolo ggiudio
pe ggastigallo che ammazzò er Ziggnore;

 

lui ridunò la robba de valore,
discenno: «Cazzo, quer ch’è ddoro, è mmio»:
e li scribba che faveno pio pio,1


te li fece snerbà ddar correttore.2

 

E poi scrivette a Rroma a un omo dotto,
cusí e ccusí che frabbicassi un arco
co li cudrini der gioco dell’otto.

 

Si ce passònno3 li ggiudii! Sammarco!4
Ma adesso prima de passacce sotto
se faríano ferrà ddar maniscarco.

 

10 settembre 1830 - De Peppe er tosto

 

 




1 Facevano bisbiglio.

2 Così chiamavasi un individuo destinato nel collegio romano a frustare gli scuolari.

3 Se ci passarono.

4 Per forza.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License