Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1478. Le purce in ne l’orecchie1

 

Uhm, pe mmé, sposa2 mia, ho ggran pavura
c’a llui3 je sii successa quarche ccosa.
L’affare nun è llisscio, sora Rosa:
è ttroppo tardi e la nottata è scura.

 

A mmé pperò nnun m’abbadate,4 sposa:
fate conto che pparli una cratura.5
Dico accusí pperch’io l’ho ppe ssicura:
de resto poi nun ziate6 tanta ombrosa.

 

Io me posso sbajjà vveh, sposa mia:
mica ggià ssò pprofeta. Ma sta vorta,
me sta in testa che ffo una profezzia.

 

Cos’è cche ddiventate smorta smorta?
Ve sete messa in apprenzione? Eh vvia!
Chi ssa cche llui nun stii ggià ssu la porta.

 

4 febbraio 1835

 




1 Metter le pulci nelle orecchie, vale: «suscitare in altri apprensioni, o paure, o sospetti, ecc.».

2 Colla o stretta.

3 Vostro marito.

4 Non mi badate.

5 Creatura.

6 Non siate.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License