Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1480. L’ammalatia der padrone

 

Sta mmale accusí bbene, poverello
che mmó ha ffatto inzinenta1 l’occhi storti;
e er medico, che Cristo se lo porti,
disce che ttutto er male è in ner cervello.

 

Piaggne, smania, sospira,... pe un capello
va ssu le furie... e in ne l’inzurti forti
nun vedantro2 che ccasse, bbeccamorti,
curati, sepporture, farfarèllo...3

 

Io pe mmé jje l’ho ddetto a la padrona:
«Siggnora mia, ma pperché nnun provamo
quarcantra mediscina che ssia bbona?».

 

Ggnente. Lei me se striggne in ne le spalle,
e sse mette ar telaro der ricamo
a llavorà li fiori de lo sscialle.

 

4 febbraio 1835

 




1 Sino.

2 Non vede altro.

3 Il diavolo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License