Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1481. Le dimanne a ttesta per aria

 

Quanno lòro s’incontreno, Bbeatrisce,
tu averessi da stà1 ddietr’un cantone.
«Ôh ccaro sor Natale mio padrone!».
«Umilissimo servo, sor Filisce».

 

Disce: «Ne prende2 «Grazzie tante», disce.
«Come sta?» «Bbene, e llei?» «Grazzie, bbenone».
Disce: «Come lo tratta sta staggione?».
Disce: «Accusí: mmi fa mmutà ccamisce».

 

Disce: «E la su’ salute?» «Eh, nun c’è mmale.
E la sua?», disce. «AringrazziamIddio».
«E a ccasa?» «Tutti. E a ccasa sua?» «L’uguale».

 

«Ne godo tanto». «Se3 figuri io».
«Oh ddunque se(3)conzervi, sor Natale».
«Ciarivediamo,4 sor Filisce mio».

 

6 febbraio 1835

 




1 Avresti da stare.

2 Cioè: tabacco.

3 Si.

4 Ci rivediamo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License