Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1482. Er fijjo tirat’avanti1

 

Tra er negozzio de stracci e llosteria
psè, aringrazziamIddio, tanto la strappo.2
Co cquer c’abbusco a Rripa, e cquer c’acchiappo3
traficanno cqua e llà, se4 tira via.

 

Lasseme5 intanto vení ssú cquer tappo,6
quer mi’ raponzoletto de Mattia,
e allora poi, deo grazzia, a ccasa mia
c’entrerà ttanto da poté ffà er vappo.7

 

adesso studia e vva a l’Iggnorantelli8
a ffàsse9 omo; e ggià ssur cartolare
co la penna sce fa ssino l’uscelli.

 

Le lettre lavorate se le spifera10
cona lestezza e bbravità, cche ppare
Monziggnor Zegretario de la Zífera.11

 

9 febbraio 1835

 




1 In carriera di studi.

2 Tanto, campo alla meglio.

3 Prendo, guadagno.

4 Si.

5 Lasciami.

6 Quel ragazzetto.

7 Da potere sfoggiare.

8 Scuole Cristiane, o Ignorantelli, guidate da certi frati laici e senza voti, i quali insegnano lettura, calligrafia e aritmetica.

9 Farsi.

10 Se le fa.

11 Cifra.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License