Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1483. La mojje ggelosa

 

Io ve dico accusí cche nun ttonta:1


io ve dico accusí, fijja mia bbella,
che vvoi sete una bbrava puttanella,
sete una bbona faccettaccia pronta.

 

Guarda si2 cche ffigura che ssaffronta!
guarda che bber proscede3 da zitella!
, zzitelluccia come la vitella
a ddubbajocchi e mmezzo co la ggionta.

 

Tu ariviè4 a cciovettà cco mmimarito,
si cce vòi avé5 ggusto: tu ariviecce6
un’antra vorta, gruggnettaccio ardito,

 

e mme te bbutto sopra quant’è vvero
la Madonna: t’aggranfio7 pe le trecce,
t’arzo la vesta, e tte fo er culo nero.

 

10 febbraio 1835

 




1 Stupido.

2 Se.

3 Che bel procedere.

4 Rivieni.

5 Se ci vuoi avere, ecc.

6 Rivienci.

7 Ti afferro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License