Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1489. Li studi der padroncino

 

Si1 er padroncino studia!? È una faccenna
d’arimane intontiti,2 d’arimane.
Tira a schiattasse:3 fa un studià da cane:
apprica tanto, ch’è una cosa orrenna.

 

Nun c’è antro pe llui che llibbro e ppenna,
come si(1) ar monno jamancassi4 er pane.
Sta a ttavolino le ggiornate sane;
e ss’è ccopiato ggià Pparis e Vvienna.5

 

Quarche vvorta er Perfetto6 der Colleggio
je sciarríva7 a llevà li frutti e ’r vino.
E llui s’incoccia8 e vvò studià ppiú ppeggio.

 

Je lo dico pur’io quanno je porto
la mutatura: «È mmejjo, siggnorino,
’n asino vivo c’un dottore morto».

 

25 febbraio 1835

 




1 Se.

2 Da rimanere attoniti.

3 A schiattarsi: a schiattare.

4 Gli mancasse.

5 Vecchio romanzo notissimo alla plebe.

6 Prefetto.

7 Gli ci arriva.

8 Si ostina.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License