Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1490. Li duordini

 

Er zalumaro ha ttrovo in d’un libbrone
che un certo sor Dimenico Sgumano1


e un certo sor Francesco Bennardone2
quello spaggnolo e cquestantro itajjano,

 

volenno arzà ddu’ nove3 riliggione,
er primo se4 vistí ddomenicano,
mentre er ziconno se legò un cordone
su la panza e sse(4) fesce francescano.

 

Seiscentanni e un po’ ppiú ggià ssò ppassati,
che ppe ggrazzia der primo e dder ziconno
sto par de fraterie cacheno frati.

 

Seiscentanni! Oh vvedete quant’è antica,
oh immagginate quant’è sparza ar mondo
la vojja de campà ssenza fatica!

 

27 febbraio 1835

 




1 Guzman, cognome di S. Domenico.

2 Bernardone, cognome di S. Francesco.

3 Nuove.

4 Si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License