Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1491. Tutto cambia

 

La causa de sti guai tiettelo1 a mmente,
nun è la guerra, nun le staggione:
tutto ne viè ccher zecolo presente
nun conossce ppiú un cazzo2 riliggione.

 

Oggni quarvorta un Papa anticamente
ussciva da Palazzo in carrozzone,
se3 sentiveno turbini de ggente
:4 «Ssanto Padre, la bbenedizzione».

 

Ma a sti tempi che cqua5 cchi sse ne cura?
chi jje la chiede adesso? Tutt’assieme,
quattro vecchi, e ssí e nnò cquarche ccratura.6

 

Co ttutto questo, io noto la costanza
der povero sant’omo, che sse7 spreme
a spaccà ccrosce pe ssarvà llusanza.

 

25 marzo 1835

 




1 Tientelo.

2 Affatto.

3 Si.

4 Dire.

5 A questi tempi qua.

6 Creatura.

7 Si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License