Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1498. La bbona stella

 

Fra ttutti quanti l’ommini assortati
Papa Grigorio sce ffà er campione.
Nassce fijjo d’un povero cojjone,
e vva a ddà llègge a un ordine de frati!

 

Viè a Rroma a lleccà er culo a li prelati,
e jje zompeno1 in testa tre ccorone!
Schioppa,2 cristo de ddio, ’na ribbejjone
curre er froscio,3 e li guai arimediati!

 

Levatose quell’osso da la gola,
mmazzolate de mano maestra
e la ggente je bbascia4 la mazzola!

 

D’inverno, a mmezza notte, senza lume,
voi bbuttatelo ggiú dda la finestra
e ttrova sotto un cusscinon de piume.

 

aprile 1835

 




1 Gli saltano.

2 Scoppia.

3 Frocio: tedesco.

4 Bacia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License