Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1499. Er Papa frate

 

Er Papa tra li frati sce s’ingrassa,
pperché ssaricordi er tempantico:
cor mutà de vardrappa,1 Federico,
se2 muta er core, e l’amiscizzia passa.

 

Nun dico ggià cche ne faría3 man bassa,
si ddassi4 retta ar genio suo, ma ddico
che llui l’imbecca e jje se mostra amico,
perc’hanno in mano er fil de la matassa.

 

Lui li ninna, li coccola5 e li cova
e cce va a nnozze in ner leccajje er pelo,
perché er tenelli da la sua je ggiova.

 

È ssempre bbene tené acceso er zelo
co cquarche smorfia e bbonagrazzia nova
ne le bbocche che spiegheno er Vangelo.

 

2 aprile 1835

 




1 Gualdrappa.

2 Si.

3 Farebbe.

4 Se dasse.

5 Coccolare: far moine.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License