Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1500. Li crediti

 

Tristo ar monno chi avanza, Crementina.
È un anno che cquer gruggno da sassate
de don Bruno ha da damme1 una diescina
de scudi pe ttre rrubbie de patate.

 

Co ssalille2 oggni ggiorno e oggni matina,
j’ho llograte le scale, j’ho llograte.
«Dorme, pranza, nun c’e; sta a la dottrina...».
E ssempre sta canzona: «Aritornate».

 

N’ariviengo ppropio co ste gamme,
percoggi ar fine er zanto sascerdote
m’aveva aripromesso de pagamme!

 

Sai cosa ha ffatto dimme3 er zor don Bruno?
Ch’è ttanto affaccennato in ner riscote
che nun ha ttempo de pagà ggnisuno.

 

3 aprile 1835

 




1 Darmi.

2 Con salirle.

3 Dirmi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License