Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1510. Le scuse de Ghetto

 

In questo io penzo come penzi tu:
io l’odio li ggiudii peggio de te;
perché nun ccattolichi, e pperché
messeno1 in crosce er Redentor Gesú.

 

Chi aripescassi2 poi dar tett’in giú3
drento a la lègge vecchia de Mosè,
disce l’ebbreo che cquarche ccosa sc’è
ppe scusà le su’ dodisci tribbú.

 

Ddefatti, disce lui, Cristo partí
dda casa sua, e sse ne venne cqua
cco l’idea de quer zanto venardí.

 

Ddunque, seguita a ddí Bbaruccabbà,
subbito che4 llui venne pe mmorí,
cquarchiduno5 l’aveva da ammazzà.

 

6 aprile 1835

 




1 Misero.

2 Ripescasse.

3 Cioè: secondo le viste umane.

4 Subitoché: postoché.

5 Qualcuno.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License