Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1512. Un conzijjo da amico

 

Santo Padre, che ccosa ve fregate1


co ttutti sti quadrini che spennete?
Dolori co le mmànnole2 attorrate
ve possino vení ssi nnu3 l’avete.

 

Ve pare questa cqua vvita da frate?
Ve pare questa cqua vvita da prete?
Eppoi fate er piaggnone: eppoi sperate
che vve possino annà le cose quiete.

 

Le ggente mica poi cceche e mmute;
e vve faranno avé strette infinite,
peggio de quelle che ggià avete avute.

 

Che ssciupi4 una siggnora c’ha la dote,
pascenza;5 ma li vostri, lo capite?,
nun sfarzi da Sommo Sascerdote.

 

7 aprile 1835

 




1 V’imbrogliate.

2 Mandorle.

3 Se non.

4 Scialacqui.

5 Pazienza.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License