Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1515. Li padroni de Roma

 

Eccheve1 li padroni c’a nnoi guitti2
ce3 cuscineno4 mejjo de li cochi,
ché spesso sce(3) trovamo tra ddufochi
e da tutte le parte semo fritti.

 

Prima viè er Papa a conzolà l’affritti:
doppo, li Cardinali, e nnun ppochi:
poi viè cquellantra fila de bbizzochi
de li Prelati, a mmette fora editti.

 

Dietro a li Cardinali e a li Prelati
viengheno a ffà le carte sti Margutti
de capi de le regole de frati.

 

Poi viengheno a ttajjà la testa ar toro
l’Immassciatori,5 e ppoi prima de tutti
le donne bbelle e li mariti lòro.

 

14 aprile 1835

 




1 Eccovi.

2 Poverelli.

3 Ci.

4 Cucinano.

5 Ambasciadori.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License