Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1520. Er giuveddí e vvenardí ssanto

 

ppoche le funzione papaline:
nun basteno la scena1 e la lavanna.
Pe ffa le cose com’Iddio commanna2
pare c’ar Papa tra ste dumatine

 

bbisoggnerebbe métteje una canna
in mano e in testa una coron3 de spine:
poi fraggellallo a la colonna, e infine
proscessallo e spidijje la condanna.

 

Disce: «Ma a Rroma nun ce sta Ccarvario».
Si4 cconzisteno cqui ttutti li mali
s’inarbera la crosce a Mmonte-Mario.

 

E llassú oggnanno, a li tempi pasquali,
ce s’averebbe da inchiodà un Vicario
de Cristo, e accanto a llui duCardinali.

 

16 aprile 1835

 




1 Cena.

2 In regola.

3 Apocope usatissima da’ Romaneschi.

4 Se.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License