Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1524. L’oste

Sonetti 2

 

LodatIddio! sto porco de diggiuno
ce s’è llevato arfine da le coste.
Quer ssempre seguenzia,1 sor don Bruno,
je pare usanza d’annà a ggenio a un oste?

 

Pe cquarantasei ggiorni! tante poste2
èsse aridotte a nun cenà ggnisuno!
So cche stasera de solova toste3
ggià n’ho ccotte trescent’e ssettantuno.

 

Nun sarebbe ppiú mmejjo ch’er Vicario
stramutassi4 stinzurza pinitenza
in una terza parte de rosario?

 

Che mmale ne vierebbe a la cusscenza?
D’annà cquarcantra vorta ar nescessario?
Caro lei, tutto sta ccome se penza.

 

18 aprile 1835

 




1 Quel far sempre Sequentia sancti Evangeli sulla bocca: far crocetta: digiunare.

2 Avventori.

3 Gli uovi duri che mangiansi a Pasqua di Resurrezione.

4 Tramutasse, permutasse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License