Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1525. L’oste

 

Male er maggnà de magro?! Voi vivete
in errore, in equivico, in inganno.
Li medichi, se sa, ttutto fa ddanno.
Ggnente,1 imposturerie: nun ce credete.

 

Io faccio l’oste, ma ss’io fussi prete
predichería2 sarache3 tutto l’anno.
Solamente la sete che vve danno!
E cc’è ppiú ggusto che smorzà la sete?

 

Ecco li scibbi da llomo sazzio:
tonni, arenghe, merluzzi, tarantelli...
Queste ggrassce da levajje er dazzio.

 

Li viggnaroli armanco,4 poverelli,
direbbeno: «Siggnore v’aringrazzio,
che sse vòteno presto li tinelli».

 

19 aprile 1835

 




1 Niente.

2 Predicherei.

3 Certa specie di pesce in concia.

4 Almeno.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License