Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1527. La commare accipùta1

 

Che, ha mmaggnato l’agresta, eh sora Peppa,
che mme sta ccusí ascida e mmallappa?2
Quant’è ggrazziosa sta commar Giuseppa!
Propio, per dio, nun ce la una zappa.

 

Bbellezza mia, chi la tira la strappa,
e ppò ffiní la storia co una sleppa.3
Data che ppoi ve l’ho, mmadama schiappa,4
abbozzate5 e mmettetesce una zeppa.6

 

Vatte a ffà spellecchià,7 vva’ a ggiucà a llippa:8
va’, vvatte a ccerca chi tte porti in groppa,9
bbrutta stampa de mmaschere da pippa.

 

Dico a tté, mmarcia, alò, trotta, galoppa;
o tte fo er chiavicone de la trippa
come la scamisciata10 de Falloppa.

 

19 aprile 1835

 




1 Accipigliata.

2 Allappare: aver sapore lazzo.

3 Sgrugno, cazzotto, o qualunque altro colpo che si faccia altrui toccare.

4 Persona da nulla.

5 «Tacete»: ciò che i Francesi direbbero endurez.

6 Rimediateci se potete.

7 Vatti a fare scorticare.

8 Il giuoco della lippa è esercizio di niuno ingegno.

9 Chi ti lusinghi.

10 Gala di camicia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License