Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1528. Le cose a ìcchese1

 

Io nun me ne volevo perzuade,2
eppuro sissiggnora: stammatina,
a li venti d’aprile, pe le strade
pare cqui a Rroma una Sibberia fina.

 

Chi lo capissce come possi accade3
che in ner mentre l’istate s’avviscina
se fa er passo der gammero? e la strina4
ve penetra nell’ossa com’e spade?

 

E vvoi fiottate5 de quello a Ssan Pietro
perché l’affari nostri nun ze cura
si6 invesce d’annà avanti vanno addietro!

 

Quanno nun c’è ppiú istateppiú inverno
e ssammattissce la madre natura,
se ,7 ccredo, ammattí ppuro8 er Governo.

 

20 aprile 1835

 




1 A x: in disordine.

2 Persuadere.

3 Accadere.

4 Vento gelato.

5 Vi lagnate.

6 Se.

7 Si può.

8 Pure.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License