Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1530. La visita d’oggni ggiorno

 

Quer che sta in pasce1 co la vacca e ’r bove
viè a ttrova la padrona oggni matina
a un’ora fissa che la ggente fina
pe nnun ccom’e nnoi disce a le nove.

 

ffioccà a ssangue,2 tirà vvento, piove,3
pònno fionnà4 ssaette in pollacchina,
quann’è cquellora ecchete lui, Ggiustina,
e inzino a mmezzoggiorno nun ze move.

 

Pe llui nun c’è immassciata:5 entra da franco,
e sse6 serreno drento de galoppo
dov’è er zofà ccor cusscinone bbianco.

 

Stammatina perantro7 la Marchesa
se l’è ffatto vení dduora doppo
per via ch’è ita a ppijjà ppasqua in chiesa.

 

21 aprile 1835

 




1 Pace.

2 Nevicare a furia.

3 Piovere.

4 Fiondare, quasi «fischiare».

5 Ambasciata.

6 Si.

7 Peraltro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License