Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1532. Er tribbunale der Governo1

 

Eccoli cqua sti ggiudisci da jjanna2
che pporteno la spada e la pianeta.
cquattranni e ’r proscesso nun ze manna3
e la popolazzione ha da stà cquieta.

 

Pe cquer Cristo è una gran lègge tiranna!
Tené er distin d’un omo tra le deta,
e nun volé spidijje la condanna
prima de fallo infrascicà4 in zegreta!

 

Doppo annata5 la causa a l’infinito
caso c’un poveretto esschi6 innoscente
chi jjarifà cquellanni c’ha ppatito?

 

E ss’è ppoi sentenziato dilinquente,
quanno va ssu le forche è ccompatito,
perché er dilitto nun ze tiè ppiú a mmente.

 

Aprile 1835

 




1 Così chiamasi il Tribunale criminale.

2 Da ghianda.

3 Non si manda.

4 Di farlo infracidare.

5 Andata.

6 Esca.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License