Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1533. Sentite che ccaso

 

Io tiengo indeggnamente accapalletto
una bbrutta Madonna nera nera,
ch’è un ber ritratto e l’immaggine vera
de la Vergine Santa de l’Archetto.

 

Bbe’, jjer’a nnotte se staccò er chiodetto,
er quadro cascò ggiú ccom’una pera,
ner cascà sfracassò llacquasantiera,
me venne in testa e de risbarzo in petto.

 

Figuret’io! Me svejjo intontolito,1


me tasto in fronte ar zito de la bbotta,
sento er zuppo,2 e mme credo èsse ferito.

 

Che aveva da strillà, ssora Carlotta,
ccusí a lo scuro un povero marito?
«Me l’hai fatta, per dio, porca miggnotta!».3

 

23 aprile 1835

 




1 Instupidito.

2 Bagnato.

3 Bagascia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License