Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1535. Er proscetto pasquale

 

Mica che a ppijjà ppasqua abbi er crapiccio
de famme1 ariggistrà ffra l’ostinati,
o ttienghi2 in corpo un’anima de miccio3
risolata a ddusòle4 de peccati:

 

, è ppropio che nun trovo un giorno spiccio
pe ccercà ttra sto nuvolo de frati,
voi me capite, un confessore a cciccio,5
che nun badi a li casi ariservati.

 

Ortre de questo sc’è un’antra raggione,
ciovè ccammalappena6 spunta l’arba
io bbisoggna che ffacci colazzione.

 

Quanno mmorto io damme de bbarba:
e de stamme7 a gguastà la cumprisione8
pe ste bbuggere9 cqua, ppoco m’aggarba.

 

25 aprile 1835

 




1 Farmi.

2 O io tenga.

3 Anima perduta.

4 Suole.

5 A proposito.

6 Appena.

7 Starmi.

8 Complessione.

9 Bazzecole.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License