Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1536. La Cchiesa da confessasse1

 

Tu ccredi che, ppe ffà la confessione,
qualunque cchiesa sia, sempre è l’istessa,
perché ddovunque se ddí2 la messa
ce se ppuro3 le devozzione.

 

Eppuro Monziggnore er mi’ padrone
te sce farebbe perde la scommessa,
perché ppiuttosto lui nun ze confessa
si4 nun va a la Ritonna: e ha gran raggione.

 

Mica è la divozzion de la Madonna,
sai?, ché in staffari cqua llui nun fa ttesto;
ma pper un’antra idea va a la Ritonna.

 

Lui se scortica5 llà ssolo pe cquesto
che tte dich’io: da quela bbúscia tonna6
li scorpioni7 svaporeno ppiú ppresto.

 

25 aprile 1835

 




1 Confessarsi.

2 Si può dire.

3 Ci si può pure.

4 Se.

5 Scorticarsi: confessarsi; si scortica: si confessa.

6 Buca tonda.

7 Scorpioni, cioè: «peccati gravi».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License