Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1538. Trescento ggnocchi sur zinale1

 

Io l’aringrazzio tanto, sor don Pio,
de quela dota2 che ttiè bbell’e ppronta.
Io pe rregola sua campo der mio
senza bbisoggno un cazzo de la ggionta.3

 

’Na zozza,4 frittellosa,5 onta e bbisonta6
piú ppeggio de la panza d’un giudio,7
che indove tocca sce lassa l’impronta,
nu la vorría8 si mme la dàssi9 Iddio.

 

Io a ste facce da spazzacammini
nun je darebbe10 un pizzico nemmeno
le vedessi cuperte11 de zecchini.

 

Sor don Pio, tra la zella12 io nun ce godo
come lor’antri preti, c’o ppiú o mmeno,
drent’a la porcheria sce vanno in brodo.13

 

27 aprile 1835

 




1 Trecento scudi di dote belli e pronti sul grembiale, cioè in contanti.

2 Dote.

3 Giunta.

4 Una sozza.

5 Lorda, piena di macchie.

6 Unta e bisunta.

7 Pancia d’un giudeo.

8 Non la vorrei.

9 Se me la dasse.

10 Non le darei.

11 Coperte.

12 Sudiciume.

13 Ci vanno in deliquescenza di piacere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License