Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1539. Er geloso com’una furia

 

ggeloso sicuro, dio sagrato!
E nun ho da patí de ggelosia,
quanno che ppe la Vergine Mmaria
m’aricordo le suste1 che mm’hai dato?

 

E de chi ssò ggeloso? De Mattia,
der guercio, de tu’ zio, de tu’ cuggnato,
de l’ebbreo, de lo sbirro, der curato,
der can’e ’r gatto, e inzin dell’ombra mia.

 

Voantre2 streghe, o de riffe o de raffe,3
tutti li maschi li volete arreto,4
e ttienete li piedi in cento staffe.

 

O ggiuvenotti, o bbocci,5 o bbelli, o bbrutti,
bbasta èsse donna per avé er zegreto
de falli bbeve6 e ccojjonalli tutti.

 

27 aprile 1835

 




1 Strette.

2 Voi altre.

3 Questa frase suona come chi dicesse: aut per fas, aut per nefas.

4 Dietro.

5 Vecchi.

6 Di farli bere: in senso di «darla ad intendere», ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License