Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1546. La morte der Rabbino1

 

È ito in paradiso oggi er Rabbino,
che ssaría com’er Vescovo der Ghetto;
e stasera a li Scòli j’hanno detto
l’uffizzio de li morti e ’r matutino.

 

Era amico der Papa: anzi perzino
er giorn’istesso ch’er Papa fu eletto
pijjò la penna e jje stampò un zonetto2
scritto mezzo in ebbreo mezzo in latino.

 

Dunque a la morte sua Nostro Siggnore
cià ppianto a ggocce, bbecche ssia3 sovrano,
e cce s’è inteso portà vvia er core.

 

Si4 ccampava un po’ ppiú, tte lo dich’io,
o nnoi vedemio5 er Rabbino cristiano,
o er Papa annava a tterminà ggiudio.

 

9 maggio 1835

 




1 Moisè Sabbato Beer, uomo dottissimo.

2 Lo scrisse veramente.

3 Benché sia.

4 Se.

5 Vedevamo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License