Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1548. Nostro Siggnore a Ffiumiscino

 

Ôh, ffinimole un po’ ttante caggnare.
Si er Papa va ddomani a Ffiumiscino
che ccosa sc’è da , ssor figurino?
Li Papi ponno annà ddove je pare.

 

Mica poi sce va a ttròva la commare,
mica va ppe nnotà,1 ppe sbarcà er vino:
sce va ppe scannajjà2 cco Gghitanino3
come ffà ppe pportà a Rroma er mare.4

 

Co cquarche ccentinaro e un po’ de fremma
ggnisuno nnegà cch’è un ber zoccorzo
de tené ddrento casa la maremma.

 

Dove se mmai visti a ttempi addietro
li scefoli e le trijje ggiú pper corzo?
le galerre ar palazzo de San Pietro?

 

13 maggio 1835

 




1 Nuotare.

2 Scandagliare.

3 Cameriere e consigliere intimo di Nostro Signore.

4 Si parlò in Roma di questo colossale progetto, che almeno servì per tenerci un po’ allegri.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License