Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1549. La mano reggia

 

Che sturbo, fijjo! A ccasa der padrone
oggi è stato un inferno, è stato un lutto:
tutto a ccausa der Papa, de quer brutto
pidicozzo de naso a ppeperone.

 

E pperché? pperché llui, ccusí ssanbrutto,1


j’ha mmannato a esiguí n’esecuzzione
de scerta mano reggia, ch’è un manone
che indove arrivà sse pijja tutto.

 

Nun basta. Aveva detto er Tribbunale:
«La mano reggia cqui nun c’entra un cazzo,
e er tesoriere l’ha intimata male».

 

Bbe’, er zanto Padre ha avuto la cremenza,
come adesso l’Accè2 ffussi un pupazzo,
de un baffo de penna a la sentenza.3

 

13 maggio 1835

 




1 Ex-abrupto.

2 Il Tribunale dell’A.C. (Auditor Camerae).

3 La sentenza di cui qui si parla fu cancellata dal Papa con dispaccio della Segreteria di Stato l’11 maggio 1835. Vedi la bella e coraggiosa scrittura di Bartolommeo Belli, difensore di Pietro Gramiccia, avanti la Congregazione Civile dell’A.C., per l’udienza del giorno 18, detto mese, impressa dalla Stamperia Camerale.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License