Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1558. Er viaggio all’estro1

 

Forzi2 sarà bbuscia, ma cquarchiduno
che sta in artis e ccrede de sapello
disce c’ar Papa je va pper cervello
d’uggne le rote e scarrozzà a Bbelluno.3

 

Bbravo! farà bbenissimo; e ggnisuno
nnegajje c’un viaggio com’e cquello
è ssempre mejjo che de stà a Ccastello4
a ppescacce le tinche per diggiuno.

 

Quadrini n’ha d’avanzo: passaporto
se lo firma da sé: ddunque ha rraggione,
e accidentacci a llui chi jje ttorto.

 

Eppoi, quer tornà Papa tra pperzone
che tt’hanno visto scicorietta d’orto
dev’èsse un gran gustaccio bbuggiarone.

 

26 maggio 1835

 




1 Il viaggio all’estero.

2 Forse.

3 Patria di Gregorio xvi.

4 Castel Gandolfo sul Lago Albano, ordinaria villeggiatura de’ Pontefici.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License