Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1561. L’aricreazzione

 

Detta ch’er Papa ha Mmessa la matina,
e empite le santissime bbudelle,
essce in giardino in buttasú1 e ppianelle,
a ppijjàna bboccata d’aria fina.

 

llegato co ccerte catenelle
sce tiè2 un brutto uscellaccio de rapina,
e, ddrento a una ramata, una ventina
o dduduzzine ar piú de tortorelle.

 

Che ffa er zantomo! ficca drento un braccio,
pijjana tortorella e la conzeggna
ridenno tra le granfie3 a l’uscellaccio.

 

Tutto lo spasso de Nostro Siggnore
è de vedé cquela bbestiaccia indeggna
squarciajje er petto e rrosicajje er core.

 

2 giugno 1835

 




1 Veste-da-camera.

2 Ci tiene.

3 Artigli.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License