Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1564. La casa de Ddio

 

Cristo perdona oggni peccato: usuria,1


cortellate, tumurti der paese,
bbuscíe, golosità, ccaluggne, offese
sgrassazzione2 in campaggna e in ne la curia,

 

tutto: ma in vita sua la prima ingiuria
ch’ebbe a vvéde ar rispetto de le cchiese,
lui je prese una bbuggera, je prese,
ch’esscí de sesto e ddiventò una furia.

 

E ffascenno3 la spuma da la bbocca
se messe a ccurre4 in ner ladrio5 der tempio
cor un frustone, e ggiú a cchi ttocca tocca.

 

Questa è llunica lite c’aricorda
er Vangelo de Cristo, e nnun c’è esempio
che mmenassi6 le mane un’antra vorta.

 

28 maggio 1835

 




1 Lussuria.

2 Grassazioni.

3 Facendo.

4 Si mise a correre.

5 Nell’atrio.

6 Menasse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License