Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1565. Terzo, ricordete de santificà le feste

 

Jeri er Vicario, essenno l’Asscenzione,
disse a lo stampatore cammerale:1«Questa è ggiornata d’ozzio e ddorazzione,
e nnun ze stampi né in bene né in male».

 

Figuretoggi poi che ccunfusione!
La gran folla arrivava pe le scale;
e ddrento se ddí ccoggni mattone
c’aveva fatt’Iddio scera un curiale.2

 

E ssai stasera quanta ggente arresta3
senza distribbuí le su’ scritture!4
Ma cquesto cosa fa? jjeri era festa.

 

Però pper allestí llantro palazzo
der Zanto Padre, se lavori pure;
e cqui la festa nun importa un cazzo.5

 

29 maggio 1835

 




1 La Stamperia Camerale gode la privativa delle stampe forensi, e dal Governo si affitta.

2 Nella prossima tornata del Tribunale della Rota, si dovevano portare infinite cause, per essere quella la prima dopo le vacanze dette delle purghe (Erunt potiones).

3 Resta.

4 Se le scritture non sono distribuite nella stabilita sera ad un ora di notte, o poco più, la causa va in contumacia.

5 Il Palazzo Lateranense ridotto già da Leone xii a ricovero de’ poveri, e dal regnante Gregorio restituito con enorme dispendio all’antico splendore, onde farvi una colezione prima di dar la benedizione solita dalla gran loggia della Basilica nel giorno dell’Ascensione.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License