Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1567. Er marito arisoluto

 

Ah scrofa, t’ho vvist’io dar luscernario
quanno se’ ita sotto a Ggiammatista.1


Vacca, t’ho vvista propio io, t’ho vvista,
ppiú assai de quer ch’era nescessario.

 

Tu ariprovesce ppiú, pporca futtrista,2
a ffattelo3 inzeppà ddrentar zagrario,
e ttaccommido er corpo cor Vicario
che tte manni a llegà com’una crista.

 

Io quer tantin d’onor che mmaritrovo
nu lo vojjo bbuttà ddiettr’a un cantone
come se bbutta viana coccia d’ovo.

 

Io, spuzzonaccia mia, nun 4 er padrone,
c’oggni ggiorno je spunta un corno novo
e ssammaschera sempre da cojjone.

 

30 maggio 1835

 




1 Giambattista.

2 Temperamento di più osceno vocabolo.

3 Fartelo.

4 Non sono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License