Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1571. Le resíe

 

M’avete ariccontato una resía,1


vera com’una fetta de Vangelo.
state attenta,2 e vve dirò la mia
ch’è ttal e cquale e nu ne perde un pelo.

 

Ciovè, ppiano, mia , cch’io grazzia ar celo
ccristiano e ddivoto de Maria.
Ho ddetto mia, sor don Taddeo, pe vvia
ch’io l’aricconto, e mm’ha ggabbato er zelo.

 

Va spargenno pe Rroma un framasone
ch’er papa san Grigorio tammaturco3
era un furbo e un maestro de finzione.

 

E pprotenne4 quell’anima de turco
che in ne l’orecchia pe cchiamà er piccione
ce se metteva un vago de granturco.

 

4 giugno 1835

 




1 Eresia.

2 Attenta si usa in entrambi i generi.

3 Il volgo suole confondere il taumaturgo san Gregorio, vescovo di Neocesarea, col pontefice e dottore san Gregorio Magno, il quale si dipinge collo Spirito Santo all’orecchio in atto d’inspirargli la dottrina ch’ei scrive.

4 Pretende.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License