Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1572. Monziggnore, stato ferito

 

Da quattr’anni a sta parte e ppochi mesi
si vvoi dite a sti santi Imporporati:
«Minentissimo mio, semo affamati»,
pare, pe ccristo, che l’avete offesi.

 

Io discorro accusí, pperché ll’ho intesi;
e sso anzi che llòro e li prelati,
quanno senteno guai, tutti arrabbiati
dicheno: «Aringrazziate li francesi».

 

C’ha che ffà cquela ggente in sta faccenna?
cosa scentra la Francia in sto lavoro?
Scentra come li cavoli a mmarenna.1

 

Li francesi oramai passa vent’anni
che sse ne stanno in pasce a ccasa lòro
senza annàsse2 a ppijjà ttutti staffanni.3

 

4 giugno 1835

 




1 Merenda.

2 Andarsi.

3 Fra gli altri sollazzi puerili, usa in Roma il seguente. Un fanciullo si asside giudice. Un altro, curvato e colla faccia in grembo a lui, è percosso da qualcuno del resto della compagnia, che si tiene ivi presso schierata. Rizzatosi allora sulla persona, dice al giudice l’offeso: «Monziggnore, stato ferito. / Chi vv’ha ferito?/ La lancia. / Annatela a ttrova in Francia. / E ssi in Francia non c’è? / Annatela a ccerca indov’è. / E ssi nun ce vení? / Pijjatela pe un’orecchia e pportatela cqui». Con questo mandato va egli attorno, fissando in volto tutti i suoi compagni, se mai vi apparisse alcun moto dal quale arguire la verità, mentre gli esplorati si agitano fra le più curiose smorfie del mondo, per comporsi ad un aspetto d’indifferenza. Finalmente ne sceglie uno, e lo conduce al giudice, che gli dimanda: Chi è questo? Il querelante risponde: Carne allesso; e il giudice, rivestito insieme della prerogativa di testimonio, riprende: Riportatelo via, ché non è esso; ovvero: Lassatelo cqui ch’è esso, secondoché il reclamo era bene o male applicato. Nel primo caso, il povero deluso ritorna al suo posto in seno al giudice per subirvi nuove percosse: nel secondo vi subentra invece il reo convinto, e si ripetono in quella piccola società colpe, accuse e condanne. Or noi, supposta un’ingiuria, ed elevato il dialogo o più alta significazione, chiederemo al lettore, per moralità di questi versi, dove dovrebbe cercarsi l’orecchio da menare a penitenza, se cioè sul Montmartre presso il Colle Vaticano.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License