Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1573. Lo scordarello

 

Di’, ttaricordi ggnente, Fidirico,
chi era quello ch’er mastro de scòla,
disce c’a ttempi sui fesce sciriola1


ar Papa e lo trattò ccome nimmico?

 

L’ho ssu la punta de la lingua dico,
eppuro... Aspetta un po’, ffiniva in ola.
Andrea? no Andrea; ’na spesce de Nicola
co un antro nome de casato antico.

 

Cristo! sarà dduora che cce penzo!
zitto, zitto ché vviè: Cola da... Ccazzo!
L’ho ttrovo, eccolo cqua: Ccola d’Arienzo.

 

Sto Cola erana bbirba bbuggiarossa:
co ttutto questo, io sciannerebbe a sguazzo2
c’ariarzassi3 la testa da la fossa.

 

4 giugno 1835

 




1 Tradì il, ecc.

2 Godrei, nuoterei nel piacere.

3 Che rialzasse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License