Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1574. Er chiacchierone

Sonetti 2

 

Eh ffinísscelo1 un po’ sto tatanài,2
corpo de li mortacci de Bbertollo!3
Sempre, perdio, co cquer beccaccio a mmollo!
Che mmulinello! nun t’azzitti mai!

 

Ôh mmanco male via: rotta de collo
che sta futtuta grazzia sce la fai.
Bblu bblu bblú, bblu bblu bblú,... che ddiavol’hai?
Pari una pila4 c’abbi arzato er bollo.

 

Accidenti, che cciarla, bberzitello!5
Oh a tté nun ze ddí6 che la mammana
s’è scordata de róppete er filello.

 

Cristo! quanno cominci ffaccenne7
che cce svergoggneressi8 una campana;
e tte la vòi vedé ssino all’ammenne.9

 

8 giugno 1835

 




1 Finiscilo.

2 Cicalamento.

3 Di Bertoldo.

4 Pignatta.

5 Bel zitello.

6 Non si può dire.

7 Sono faccende.

8 Ci svergogneresti.

9 Te la vuoi vedere fino all’amen: vuoi dir l’ultima.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License