Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1576. La ficcanasa1

 

Slongate er collo assai voi, sora Marta.
Ve scappa forzi2 de sapé un tantino
che ccosa sc’è drento a sto fiasco? È vvino.
Odoratelo, e annateve a ffà squarta.3

 

Quanno er padrone mio sta ar tavolino
e ccrede ch’io je guardi quarche ccarta,
disce sempre: «Né ccòccolo s’incarta
e nné mmano s’inarca,4 sor ficchino».

 

Ggià, cche sserve a pportavve le raggione?5
Lavà la testa all’asino è l’istesso
che spregacce lesscía,6 tempo e ssapone.

 

Voi me parete a mmé ccome li preti,
che sse faríano7 turchi e ccosce8 allesso
pe smania de sapé ttutti li peti.9

 

10 giugno 1835

 




1 Curiosa.

2 Vi preme forse.

3 Andatevi a fare squartare: andatevene.

4 Nec oculus in charta, nec manus in arca, lo dicono frequentemente tutti i vecchi. Gli altri si contentano di un equivalente italiano.

5 Portarvi le ragioni.

6 Sprecarci lisciva.

7 Si farebbero.

8 Cuocere.

9 Tutte le minuzie.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License