Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1577. La purciaròla

 

Io nun trovo dilizzia uguale a cquesta
che de stamme a spurcià1 ssera e mmatina
la camiscia, er corzè, la pollacchina,
le legacce e le grespe de la vesta.

 

Si le purce so2 assai, pe ffalla lesta
le sgrullo tutte in d’una cunculina:
si nnò3 l’acchiappo co le mi’ detina4
je do una sfranta, eppoi je fo la festa.5

 

Oggnuno ha li su’ gusti appridiletti.
Io ho cquello de le purce, ecco, e mme piasce
d’acciaccalle e ssentí cqueli schioppetti.

 

E cche ddirete der nostro Sovrano,
che sse ne sta a ppalazzo in zanta pasce6
a ccacciasse7 le mosche er giorno sano?

 

11 agosto 1835

 




1 Che di starmi a spulciare.

2 Se le pulci sono.

3 Se no: altrimenti.

4 Co’ miei ditini.

5 Le uccido.

6 In santa pace.

7 A cacciarsi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License