Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1579. Er debbitore der debbitore1

 

Dunque perché la Cammera ha d’avé
dar mi’ padron de casa, ha la bbontà
de roppe2 er culo a cchi nun cià3 cche ffà,
e vviè a spidí la mano reggia a mmé?!

 

È vvero c’ar padrone io j’ho da
la piggion de sei mesi, ma pperché?
Perché appenne la lite in ne l’Accè,4
pe l’acconcími che mme nnegà.

 

Quanno fra de noi dua s’astipolò
la locazzione, sce se venne a ddí5
che ccentrassi6 la Cammera? Ggnornò.7

 

Disce: ma er Fisco l’intenne accusí.
Ddunque er fischio me fischi quanto sciò8
e er Ziggnore lo pòzzi bbenedí.9

 

15 agosto 1835

 




1 Vedi l’affricano editto della Segreteria per gli affari di Stato interni, dato il 9 luglio 1835, N. 33.200 di protocollo.

2 Rompere.

3 Non ci ha.

4 Pende la lite nel Tribunale dell’A.C.

5 Ci si venne a dire.

6 C’entrasse.

7 Signor no.

8 Mi involi quanto ci ho: quanto ho.

9 Lo possa benedire.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License