Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1581. Er zervitor de lo Spaggnolo

Sonetti 2

 

Se n’abbuscheno pochi. È ccirca un mese
che sto a sserví cco un Monziggnor de Spaggna
che er core l’averebbe, ma sse1 laggna
d’avé pperze2 l’entrate der paese.

 

Perché llà cc’è una guerra che sse maggna
le scittà ccom’e ttordi, e ffanno imprese
d’arrubbà, scannà ffrati, e bbruscià cchiese,
che l’inferno ar confronto è una cuccagna.

 

E cche ddiavolo mai 3 ddiventati
l’ommini a sto monnaccio bbuggiarone?
Caníbboli,4 Medèi, gatti arrabbiati?...

 

Sverzà5 ffiumi de sangue, dio sagraschio,6
e pperché? ppe ddiscíde7 si er8 padrone
l’abbino da pijjà9 ffemmina o mmaschio!

 

16 agosto 1835

 




1 Si.

2 D’aver perdute.

3 Sono.

4 Cannibali.

5 Versare.

6 Giuramento circospetto onde non dire: Dio sagrato.

7 Per decidere.

8 Se il.

9 L’abbiano da pigliare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License