Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1584. Er Papa in anim’e ccorpo

 

Er Papa nostro è un omo subbitanio,
caca-pepe, bbiglioso1 e ffumantino:
e ccome ha in corpo er zubucal de vino,
tristo chi ccià cche ffà! ppare er Demanio.

 

Smoccola2 come er chirichetto Ascanio
quanno sbròdola3 troppo lo stuppino.4
Inzomma tiè5 cco nnoi sto figurino
tutto er dder zupopolo ggermanio.6

 

Nun daría retta manco a ssan Giuvanni,
e ha sposato la massima, ha sposato,
che cchi ffa a mmodo suo campa scentanni.

 

Io l’assomijjo a un medico, c’allora
c’ha ddato la sscialappa all’ammalato,
o de sopra o de sotto la ffora.

 

21 agosto 1835

 




1 Bilioso.

2 Bestemmia.

3 Sgocciolo.

4 Stoppino.

5 Tiene.

6 Il fare del suo popolo germanico.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License