Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1587. Le mmaledizzione

 

Chi bbiastimassi1 san Pietro e ssan Pavolo
saría ppiú ppeggio; ma nnemmanco poi
sta bbene l’antrusanza,2 caro voi,
de ggnisempre mmaledetto er diavolo.

 

Pe mmé ccome l’intènno ve la sfravolo.3
Er demonio, o ggiú, vòi o nnun vòi,4
è ccratura de Ddio quanto che nnoi
che lo tenémo pe un torzo de cavolo.

 

Bbelle raggione de jjachemantonio!5
Tutti li torti abbi d’avelli6 ar monno
quer povero cristiano7 der demonio!

 

Perché sto mmaledillo in zempiterno?
Eh lassàmolo in pasce8 in ner profonno
de le su’ sante pene de l’inferno!

 

22 agosto 1835

 




1 Bestemmiasse.

2 L’altra usanza.

3 Ve la sciorino giù.

4 Vuoi o non vuoi.

5 Da imbecille.

6 Averli.

7 Espressione commiserativa, che sempre è nelle bocche volgari.

8 In pace.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License