Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1588. Er perampresso1

 

Ho capito, Matteo, risémo llí.2
«Un po’ a la vorta: Iddio sce penzerà:
dàmo tempo: si è rrosa fiorirà...».
Bbravo, cojjone mio: sempraccusí.

 

A ’ggni vassallo che tte viè a ttradí
te la sgabbelli via3 cor lassa .
Dunque tu nu lo sai che a Llassafà
jarrubborno la mojje, eppoi morí?

 

Jerassera sfassciassi4 un gabbarè
pe rrabbia de vennetta,5 e adesso
sei diventato un pízzico?6 e pperché?

 

Tu mme pari er fratel de sant’Alò,
che ssempre speri che ssi ffoco viè,7
t’abbrusci er culo e la camiscia no.

 

23 agosto 1835

 




1 Il perplesso, l’irrisoluto.

2 Siam di bel nuovo.

3 Ti togli d’impaccio.

4 Sfasciasti.

5 Vendetta.

6 Ti sei avvilito.

7 Se fuoco viene.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License