Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1593. Li ggiochi de la furtuna

 

A cquer zor tale, quanno magro e affritto1


fasceva er torcimano a un rigattiere,
la miseria, le trappole, er mestiere,
e ttutto quer che vvòi, jera dilitto.

 

Oggi perantro2 che nun è ppiú gguitto
e ha ccrompato3 un croscion da cavajjere,
te l’incenzeno in tutte le maggnere4
e in casa, e ffor de casa, e a vvosce e in scritto.

 

Oggi è bbello, oggi è bbono, oggi ha ttalento,
oggi fa bbene, e nun ze5 sbajja mai,
oggi si6 arrubba7 tre mmerita scento.8

 

Malappena9 sei ricco, in duparole,10
bbasta un cerino a mmostrà cchiaro c’hai
vertú cche pprima nun scopriva er zole.11

 

25 agosto 1835

 




1 Afflitto.

2 Peraltro.

3 Comperato.

4 Maniere.

5 Non si.

6 Se.

7 Ruba.

8 Cento.

9 Appena.

10 Per ristringere il molto in poche parole.

11 Il sole.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License