Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1595. Pijja e rrósica

 

Ma gguardate che ppàtina!1 oh vvaer nano
che bbatte amaro e vvò mmostrà li denti!
Fijjo, annate2 a mmostralli ar ciarlatano
che vve sciàpprichi3 er bàrzimo e l’inguenti.

 

Se vvéde un felònomo4 ppiú strano?
Me s’è infortito5 er zor gneggnè. Accidenti
che vvespa! che ddragone! che vvurcano!
Eh, ssi ccreschi6 un po’ ppiú, ssai che ddiventi!

 

Che staggione! le purce7 hanno la tosse!
Ebbè, ssor ggruggno color de patate,
ce le volémo ste guance rosse?

 

Er giurà è da bbriccone, ma tte ggiuro
ch’io mommó ddo de piccio8 a ddumanciate
de stabbio, t’òpro bbocca, e tte l’atturo.

 

26 agosto 1835

 




1 Quale aria!

2 Andate.

3 Vi ci applichi.

4 Si può vedere un fenomeno.

5 Mi si è inasprito.

6 Se cresci.

7 Le pulci.

8 Di piglio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License